Da COS cielo e architettura uniti da Phillip K. Smith III

Installazione site-specific

Oggi a Milano per il Salone del Mobile i segni dal cielo vengono interpretati per la prima volta da Phillip K. Smith III per COS in un’installazione site-specific su larga scala nel secentesco Palazzo Isimbardi. L’artista americano ha posizionato specchi riflettenti a semicerchio nel cortile del palazzo, a formare un tutt’uno di architettura e cielo. COS ha reso possibile con questa collaborazione una nuova interpretazione della possibile fusione tra arte, design e architettura. L’architettura che si affaccia sul cortile è infatti collegata in una prosecuzione ideale con il cielo che sovrasta il cortile di Palazzo Isimbardi. Durante la settimana del design, migliaia di visitatori hanno potuto ammirare l’installazione site-specific e godere del giardino attiguo al palazzo secentesco dove la natura si è fusa con altre installazioni riflettenti. Karin Gustaffson, direttore creativo di COS, ha fortemente sostenuto questo progetto per l’esperienza sensoriale che ne è derivata.

WEContemporary ©2018