Il docu-film di Francesco Vitali su Villa Litta a Lainate presentato al pubblico

La première del nuovo docu-film di Francesco Vitali VILLA VISCONTI BORROMEO LITTA, quattro secoli di storia, un viaggio nel tempo tra delizie arte e giochi d’acqua si è tenuta nella sala della musica della villa, al cospetto dei rappresentanti delle istituzioni e di alcuni tra i più importanti musei del mondo, ove sono conservate alcune delle opere realizzate per la villa di Lainate nel corso dei secoli. Nel docu-film Francesco Vitali, scenografo, regista, artista e light designer acclamato in tutto il mondo, ha dato vita a un’imponente ricostruzione storica totalmente inedita, di cui egli stesso è stato principale autore impegnandolo per quattro anni, affiancato dalla preziosa collaborazione di Claudia Botta, nota costumista, regista, autrice e artista, di Alessandro Morandotti, storico dell’arte e voce narrante nel docu-film, dall’Associazione amici di Villa Litta, oltre ad interventi dei curatori di alcuni tra i più importanti musei del mondo: Louvre di Parigi, National Gallery of Art di Washington, Ermitage di San Pietroburgo.

Pirro I Visconti Borromeo, conte di Brebbia, mecenate e uomo di cultura nella Milano spagnola alla fine del XVI secolo, muore nel gennaio del 1604. Il film documentario inizia con la ricostruzione della sua morte a Lainate. Successivamente, il suo spirito accompagnerà lo spettatore nel corso di quattro secoli di storia, attraverso la sua voce fuori campo.

Protagonista è l’antica Villa di Lainate, ideata e costruita dal Conte Pirro tra il 1585 e il 1589, che viene rappresentata da una voce femminile fuori campo e che guida lo spettatore attraverso le trasformazioni avvenute nel tempo, in un contesto storico sociale di una Milano ricca di avvenimenti. Di grande effetto le immagini che riportano i giochi d’acqua della Villa e le straordinarie sculture e grotte presenti nel giardino, riportate agli antichi splendori.

Il docu-film verrà proiettato in autunno da Sky Arte HD ed è disponibile in DVD.

WEContemporary ©2018