Mini Living realizza Built by All, nuova visione dell’abitare condiviso

Cittadini e architetti insieme per realizzare la nuova visione dell’abitare concepita da Mini Living, ovvero Built By All: sotto l’egida del brand BMW Group flessibilità, partecipazione urbana e abitare privato hanno trovato una nuova modalità di espressione e di vita condivisa. Con le stesse linee guida che hanno indirizzato l’ottimizzazione degli spazi all’interno della Mini, auto icona del brand BMW Group, è stata presentata la nuova installazione Built By All a Milano e a Monaco contemporaneamente, prolungandosi in un’asse ideale verso Londra vista la collaborazione al progetto dello studio di architettura londinese Studiomama.

Questa nuova installazione rivela un concetto di vita visionario, realizzata in stretta collaborazione tra cittadini e architetti. Una superficie di soli pochi metri quadrati viene utilizzata per creare spazi molto personali ed attraenti, che riflettono il principio dell’uso creativo dello spazio che caratterizza Mini.

Built by All rappresenta la terza installazione presentata da Mini a Milano. “Mini Living suggerisce soluzioni creative per una vita urbana collaborativa, con una piccola superficie coperta, ma capace di offrire molte possibilità e un alto grado di flessibilità.” spiega Esther Bahne, responsabile di Mini Brand Strategy e Business Innovation “Il nostro primo grande nucleo, contenente oltre 50 appartamenti e spazi comuni/pubblici, su un’area due volte più grande, viene attualmente costruito a Shanghai. Come per Built by All, i residenti sono i co-creatori del loro spazio”.

L’elemento umano gioca un ruolo centrale, poichè Mini Living – Built by all aggiunge il principio della partecipazione ai temi di fondo di Mini Living, cioè l’uso creativo dello spazio nelle piccole aree abitative, accessibile al pubblico e la reciprocità di una vita privata e allo stesso tempo di comunità. “Gli standard del mercato immobiliare di oggi sono limitati nella loro capacità di incontrare le esigenze della singola persona.” dice Oke Hauser, Creative Lead Mini Living, spiegando l’approccio che sta alla base dell’installazione “Così Mini Living – Built by All trasforma le persone in creatori attivi e li pone al centro del processo di design. Noi crediamo che alla fine la qualità di uno spazio abitativo sia determinata dalla misura in cui le persone si identificano con la loro casa”.

L’installazione realizzata a Milano ha una superficie coperta di appena 15-20 metri quadrati sono presenti quattro unità abitative che contrastano tra di loro, ma con planimetrie molto diverse e con forme, colori e materiali differenti. L’impostazione del design consente ad ogni unità di esprimere la personalità individuale di chi ci abita e allo stesso tempo di sottolineare la varietà e la portata del concept. Le unità abitative sono incastonate in un’area pubblica che incorpora funzioni come una cucina condivisa, una palestra e un atrio. L’installazione adotta strutture esistenti, per esempio, pilastri e montanti, e le completa con ulteriori funzionalità. Il risultato è un micro quartiere totalmente autonomo nell’area di una vecchia fabbrica. L’installazione dimostra che anche l’interno di un edificio vuoto può essere riconvertito per arricchire il futuro dell’architettura urbana.

WEContemporary ©2018