Sony e i sensi nascosti alla Milano Design Week

Casa, tecnologia, ambiente domestico oggi sono gli ambiti di ricerca in cui Sony ha investito numerose risorse per cambiare la nostra percezione degli oggetti attraverso un’evoluzione delle aspettative sensoriali. Milano ha ospitato anche quest’anno per il Salone del Mobile e la settimana del design i risultati di questa ricerca. All’interno della nostra casa, della nostra cucina, in ogni ambiente in cui amiamo sostare possiamo utilizzare la tecnologia andando oltre i limiti sensoriali che non immaginiamo di poter valicare. Hidden Senses è proprio questo: attraverso l’uso della luce, del tatto e delle tecnologie applicate agli elementi di design i risultati sono inimmaginabili e sorprendono per la fantasia e la poesia che scaturiscono dai nuovi ambienti immaginati da Sony. Sono nuove forme di comunicazione, di rilevamento della presenza e del nostro spostamento all’interno delle stanze e del nostro agire in casa. Un vaso di fiori al nostro tocco proietta l’immagine di una farfalla che prende il volo, oppure da un sensore sonoro percepiamo suoni ma anche le ombre dello strumento che possiamo noi stessi suonare, come interfacce intuitive ma fisiche. Hidden Senses nasce nei laboratori di ricerca di Sony che portano avanti il progetto “percezione percettiva”, ovvero una sfida che Sony Design si è prefissa: stimolare i cambiamenti di percezione attraverso il design e la tecnologia. Sony Design continuerà a sviluppare ulteriormente concetti basati sulla progettazione attraverso la ricerca e l’innovazione aperta, che visualizzano e offrono nuove esperienze.

WEContemporary ©2018